lunedì 30 settembre 2019

PROVE GENERALI

Un giorno
Le cose che pensi
Ti fuggiranno di mano
Per caso
Trattenerle Sarebbe un errore
Spiegarle
Un inutile Spreco di tempo.
Le parole che adesso
Non vuoi pronunciare
Come frutti maturi
Cadranno per terra
Facili prede
Di chi
Vorrà nutrirsene.
Un giorno
L'aria satura di silenzio
Ci toglierà la coscienza
Il respiro
Di ogni possibile ricordo.
La vita
È una inutile prova generale.
Tanto nessuno
Potrà mancare
L'uscita di scena.

Medolla, 2018 / 2019

lunedì 17 dicembre 2018

VICOLO CIECO

Ti aspetti
Un amore qualunque.
Qualcosa
Di cui hai sentito parlare
Soltanto
Nelle frasi fatte.
Non sarebbe così male
Tutto sommato.
Poi un giorno
Girato l'angolo
Ti prende alle spalle
Una folata di vento
E ti spinge
Con forza
In un vicolo cieco.
Non temo il silenzio si rompe
E sento la tua voce
Che mi vuole aiutare.

Medolla, 8/17 Dicembre 2018

domenica 18 novembre 2018

PRICELESS

Nella nebbia
Da solo
Guidare
Senza direzione
Divorato dai parassiti
Che mi crescono dentro.
C'è sempre una strada inesplorata
Nella pianura Padana.
È così
Che ho trovato
Quella vecchia bottega
Piena
Di ricordi
Che non mi appartengono.
Sul bancone
In bella vista
C'è una cosa soltanto
Priva di prezzo:
Il tuo sorriso.

Medolla, 18 Novembre 2018

lunedì 5 novembre 2018

IL CICLO DELL'ACQUA

Tra la mia spalla sinistra
E il collo.
È quello il punto
Dove l'intero Universo
Si adagia
In perfetto equilibrio.
Di lì si dipana
Il letto di magra
D'un torrente inatteso.
Goccia su goccia andrà
Sempre più lento
Disperso
Nell'eterno ciclo dell'acqua.
Assunto nell'alto dei cieli
Vedrà finalmente
I confini del mare.

Medolla, Estate/Autunno 2018

giovedì 16 agosto 2018

PRAGMATICA DELLA COMUNICAZIONE UMANA

Non chiedermi
D'esser sincero.
Quando Sapresti s'è vero?
Accogli piuttosto il mistero
Delle parole
Che mi fuggon dal senno
Senza motivo
Istradate
Dai paraocchi che indosso
Come un somaro
Costretto
In tondo a girare.
Nei solchi
Che poco a poco ho scavato
Non seminare.

Medolla, Primavera/Estate 2018

domenica 24 dicembre 2017

PANNI SPORCHI

Troppo facile mettersi
Di tanto in tanto
Nei panni degli altri
E concludere
In quattro e quattro otto
Che i propri
In fin dei conti
Sono i migliori.
Nei panni degli altri
Bisogna restarci una vita
Per capire come indossarli.

Medolla, 23/24 Dicembre 2017

venerdì 15 dicembre 2017

IL MANUALE DELLE ISTRUZIONI

Invidio
La tua sicurezza
Nel dirmi
L'amore cos'è
E come mostrarlo
Con atti e parole.
Deve esserci
Da qualche parte
Un manuale
Con le istruzioni
Che io non ho letto.
Così procedo a tentoni
Mi lascio guidare
A momenti dal cuore
Più spesso
Da una ragione, presunta
E mi perdo
Tra i sensi obbligati
Di questo cammino.
Nell'angolo più riparato
Dell'orto
Coltivo non dubbi
Ma una sola certezza:
Esistono amori infiniti
Nelle forme e nel numero
E il tuo, per questo motivo
Non è più vero del mio.

Medolla, Dicembre 2017

lunedì 17 luglio 2017

AL DIAVOLO!

Ti versi addosso
Un sorso di birra.
Qualunque cosa sia
Non la puoi controllare:
È un tremore essenziale.
Non farne una tragedia
O peggio una commedia
Tanto non esiste un perché
Non c'è
Pubblico pagante.
Per te solo
Reciti la parte
Dell'attore non protagonista.
Poche battute
Mal pronunciate
Forse addirittura sbagliate
E ogni cosa
Ti sfugge di mano.
È un cambio di scena
Improvvisato
Genio incompreso:
Fingere
Che non sia successo niente.

Medolla, Estate 2017

mercoledì 31 maggio 2017

VENT'ANNI DOPO

Non esiste un semplice
Futuro nel mio
Calendario.
Pensa ad esempio
Al duemila
Trentasette.
Talvolta vent'anni
Sono una vita
Fatta e finita
Una stagione
Che muore
In un giorno qualunque.
Noi marionette
Mosse dal caso
Ci rivedremo
Allo spedale
Probabilmente.
E i tuoi occhi
Saranno gli stessi
Che oggi non vedo.

Medolla, Primavera 2017

martedì 31 gennaio 2017

UN TORRENTE

Nel letto
In secca
Del torrente
Stanno
Migliaia di ciottoli
Silenziosi.
L'acqua che li ha levigati
Oggi è solo un ricordo
Amaro.
La prima vera stagione
Porterà di nuovo
I rumori
Gli scrosci
Le correnti improvvise.
I sassi
Nei gorghi
Poco alla volta
Cambieranno posto
Per sempre.
Aspetterò.
Voglio dissetarmi
Ancora
Delle tue parole. 

Medolla, Gennaio 2017

venerdì 13 gennaio 2017

PROVOCAZIONI

Orbene
Facciam per prima
La rima con rima.
Fatta la rimiriamo.
Poi rimiamo
Come proposto
Col rubamazzo:
Un pazzo 
Fuggì dal manicomio
Usando un razzo.
Teneva in mano un lazzo
E lo ruotava.
Vederlo
Fu per tutti un gran sollazzo.
Quando atterrò
In un campo
Fiori raccolse 
E ne raccolse un mazzo
Poi li disperse
Senza un motivo
In uno spiazzo.
Da tutto ciò
Un artista che passava
Prese l'ispirazione
Per tessere un arazzo
Che ritraeva
Il pazzo
Il razzo
Il lazzo
Il mazzo nello spiazzo
Ed un arazzo. 

Medolla, 13 Gennaio 2017

domenica 6 novembre 2016

CAPOLINEA

Ti addormenti
Cullato
Dagli scossoni del tram
Stanco degli anni che porti
Schifato dall'odore
Di chi ti siede accanto.
E quando ti svegli
Sei al capolinea
Quel punto della città
Dove tutte le strade convergono.
E devi scendere
Lento
Nella testa i rimbrotti
Del conducente.
Ti incammini
Nell'unica notte che c'è
Sicuro
Di aver perso per sempre
La via del ritorno.
Non c'è verità
Nel tuo odio.

Medolla, Estate/Autunno 2016

giovedì 15 settembre 2016

UN BAMBINO

Non stupirti
Se in me
Vive ancora un bambino
Inconsapevole
Di ciò che sarà.
Perduto
Tra inutili sogni.
È con i suoi occhi
Che vedo
La tua bellezza.

Medolla, Estate 2016

mercoledì 7 settembre 2016

EGO

Quattro righe come sentenza.
La pioggia stava finendo.
Ma una goccia non basta
Ad annegare il mio ego

Medolla, 7 settembre 2016

sabato 20 agosto 2016

CHI SONO?

Vai
Per strade lontane
Che non conosco.
Un tempo
Alla frontiera
Mi han chiesto:
Chi sei?

Medolla, 20 Agosto 2016

martedì 14 giugno 2016

TRACCIARE UN CONFINE

In un fosso tra i poderi
Nel mezzo del corso d'un fiume
Sul crinale d'una montagna.
Ogni atomo
È un confine concreto.
Non possiamo che stare
Dall'una o dall'altra parte.
Lanciare un soldo per aria
Senza aspettare
Che cada per terra
Il risultato non conta
Qualunque esso sia.
Siamo le facce
Di una sola medaglia
Universi paralleli
Che mai si vedranno.
C'è sempre un confine
Nel tempo
Tra il prima ed il dopo
Ed è questo momento.

Medolla, Primavera 2016

mercoledì 11 maggio 2016

PERLE

Questa sera
Le parole
Si rincorrono allegre
Senza malintesi.
Una collana di perle,
Naturale cornice
Ai tuoi sorrisi.

Medolla, 11 maggio 2016

sabato 30 aprile 2016

PRIMAVERA

Son tutti Indaffarati
A scorciare l'erba
Nei prati raccogliere
Le ultime foglie
Secche da terra.
In pochi giorni
Le nuove
Hanno preso
Il posto sui rami.
Vita breve le aspetta:
Si dice
L'ennesimo caldo infernale
Un temporale
L'autunno.
Poi marciranno.
Ogni vita
Ha il proprio tempo finito
Che differenza può fare?

Medolla, Primavera 2016

giovedì 31 marzo 2016

SPRECONE

Ho malamente sprecato
Questo quaderno
Parole su parole
Estratte
In modo del tutto casuale
Dal mio ristretto vocabolario.
Compilarlo
M'è costata una vita.
Tanto ho scordato
Molto taciuto
Lasciato svanire
L'acre profumo
Dell'inchiostro.
Ho strappato
Pagine intere
Scadenti nel risultato
Rinunciando
A mettere
Nero su bianco
La mia verità.

Medolla, Primavera 2016

martedì 15 marzo 2016

TOO EARLY, TOO LATE

Troppo presto
Il risveglio
Questa mattina
Non c'era nessuno
Sulla strada
Che potesse ascoltare
Il mio vaneggiare.
Tutta l'alba
È svanita
In un solo momento.
Troppo tardi
Dormirò questa notte
Ancora una volta
Ho rincorso
Una sola parola.
Nell'intermezzo
Tra il tardi e il presto
La vita
Che ci consuma.

Medolla, Primavera 2016

lunedì 7 marzo 2016

L'ONDA E LO SCOGLIO

Volubile.
Tutto dona di sé.
Il più tenero degli abbracci
E una sprezzante ritrosia.
Lo avvolge
Col vigore d'una mareggiata
Si allontana
Se l'impone la luna.
Eppure
Soltanto lo scoglio
Continuamente
Muta
Eroso in miliardi
Di granelli di sabbia
Dispersi
Nel mare.

Medolla, 2015 / 2016

domenica 28 febbraio 2016

PROCEDURA FALLIMENTARE

Un mazzo di fiori
Pronto per la consegna
È rimasto
Nel retrobottega.
Petali secchi strappati
Dal peso della polvere
Lieve
Stanno per terra
In un silenzio irreale.
Il curatore
Fallimentare
Non conosce
Il linguaggio dei fiori.
Tutto verrà buttato
Alla fine
E tu non saprai
Mai
Cosa volevo dirti.

Medolla, 24/28 Febbraio 2016

mercoledì 17 febbraio 2016

NODI GORDIANI

La trama
Della nostra storia
È così semplice
E fitta
Di piccoli nodi gordiani
Che sciogliere non sappiamo.
La spada
Per un taglio
Privo
Di ogni minima sbavatura
Non è stata
Ancora forgiata.
Perciò
Resteremo
Legati
Per sempre. 


Medolla, 17 Febbraio 2016

lunedì 8 febbraio 2016

PREISTORIA

Cacciatori
Nella foresta
Assediati
Dall'ultima glaciazione
Perduti
Tra laghi ghiacciati
Nevicate imponenti
Gelide grotte.
Non abbiamo trovato
Un solo pezzo di legno
Che non fosse d'acqua impregnato
Fino all'ultima fibra.
Non siamo riusciti
Ad accendere un fuoco
A scaldarci le mani
Ed il cuore.
Senza calore
L'amore è finito.
Ti ho abbandonata
In una radura
Poi mi sono accasciato
Sotto un masso sporgente
In attesa dei lupi.

Medolla, Inverno 2016

mercoledì 3 febbraio 2016

GIUDIZI UNIVERSALI

Le tue storie
Poeta mancato
Ed inutile al mondo
Non mi interessano.
Troppo corte e banali
O volgari e cattive
Spesso senza
Un capo e una coda
O la virgola
In fondo alla riga
Che il respiro
Mi lasci sospeso.
Ti diverti
A giocare coi suoni?
Non basta
Per esprimere forti emozioni.
Non nascondere sempre
Quello che pensi
Tra le belle parole
Decidi
Una volta per tutte
Che strada pigliare
Tra il fare
Ed il dire. 

Medolla,  1/3 Febbraio 2016